Pola

Parrocchia Gran Madre di Dio – Pellegrinaggio Giovani 2022

Visita al seminario di Pola

Per la visita al seminario rettore Alejandro Castillo 00385 91 624 64 99 – Biskupijsko Misijsko Sjemenište  Redemptoris Mater Pula – Rizzijeva 24-26; 52100 Pula

Catechesi rettore/Testimonianze seminaristi

Il seminario è costruito sopra quella che fino al 1991 era una caserma militare, dove alloggiavano i soldati pronti al combattimento e carri armati. Nel 1991, proprio nel bel mezzo del conflitto tra serbi e croati, Franjo Tuđman, il primo presidente a vincere le elezioni libere, concesse alla Chiesa cattolica la possibilità di fare un seminario in quella che era una caserma.

Il vecchio rettore don Piergiorgio De Angelis, tra i primi studenti del seminario, racconta che gli edifici erano stati saccheggiati, i soldati ed i profughi erano fuggiti portando via tutto, anche le tazze del water, i fili lettrici, le finestre…

Con pazienza e fede nella misericordia del Signore, le famiglie di fedeli hanno raccolto i fondi e le forze per costruire il Seminario, il quarto nella storia dei seminari del Cammino Neocatecumenale. Così dopo Roma, Madrid, Varsavia, è stato costruito il Redemptoris Mater di Pola.

Visita alla Città

La città incarna lo spirito dell’Istria dal punto di vista storico. Tutta la città è fondata su un’incredibile sovrapposizione storica che lascia senza fiato. La città ha visto la dominazione romana, quella veneziana, l’occupazione austriaca, quella fascista e le influenze della Jugoslavia di Tito. Camminando per la città vi imbatterete in un’arena romana, in gallerie antiaeree, fortezze veneziane, palazzi dall’architettura barocca fino a quella futurista fascista. Insomma davvero un’ambiente stimolate e interessante da visitare.

  • Arena romana. È il monumento più emblematico da vedere a Pola e uno degli anfiteatri romani più completi al mondo. Costruito durante il regno dell’imperatore Augusto, il monumento è imponente nella sua altezza: i tre livelli dell’anello esterno sono perfettamente conservati. È, quindi, possibile vedere i cunicoli sotterranei utilizzati dai gladiatori. Deve il suo ottimo stato di conservazione al suo utilizzo da parte dei cavalieri medievali per i tornei, quasi 1 000 anni dopo la sua costruzione nel I secolo.
  • il Foro di Pola è la piazza principale della città. Da non perdere al Foro è un tempio romano mozzafiato dell’inizio del I secolo, perfettamente conservato grazie alla sua conversione in chiesa da parte dei bizantini, che ne ha impedito la distruzione nel corso della storia. Oggi il tempio di Augusto di Pola è un museo lapidario e al suo interno sono esposti pezzi di sculture romane in bronzo o in pietra. Questa è, sicuramente, una cosa da vedere a Pola.
  • Situata sul fianco della collina centrale di Pola si trova la chiesa francescana risalente al XIII secolo. Il grande monastero in stile tardo-romano fu costruito, invece, nel secolo successivo. Consigliamo una visita al chiostro e al cortile, così come ai giardini, che hanno al centro una piccola oasi di statue e palme. In estate è possibile ammirare anche piccole tartarughe al sole.
  • Fortezza veneziana del XVI secolo costruita nel cuore di Pola, il Kastel offre una vista mozzafiato sulla città, il porto e i dintorni. A forma di stella per resistere all’artiglieria, fu costruita per difendere il porto e l’Adriatico, a testimonianza della potenza veneziana dell’epoca.